Comune di Piombino

Teatro Metropolitan Stagione Teatrale 2019-2020

Italiano English
Seguici sulla nostra pagina Facebook Seguici sul canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter Seguici su Instagram
Stemma Piombino Turismo

IN PRIMO PIANO

Teatro interno
Grandi classici del teatro e della letteratura con interpreti di primo piano Al via la stagione del Teatro Metropolitan di Piombino Campagna abbonamenti al via dal 30 settembre Dal Faust di Goethe al ....
lun 23 set, 2019

Cerca nel network

Piombino YouTube
Piombino WiFi
Il Comune di Piombino su Facebook
Turismo in Toscana
Le Notizie

Ti trovi in:

Piombino Turismo » Le Notizie » lettura Notizie (Turismo)
Teatro Metropolitan Stagione Teatrale 2019-2020
Teatro interno

Grandi classici del teatro e della letteratura con interpreti di primo piano
Al via la stagione del Teatro Metropolitan di Piombino
Campagna abbonamenti al via dal 30 settembre

Dal Faust di Goethe al Don Chisciotte di Cervantes, dal Romeo e Giulietta di Shakespeare alla Locandiera di Goldoni. Grandi capisaldi del teatro e della letteratura occidentale – adattati o riletti da drammaturghi e registi contemporanei – scandiscono la nuova stagione del Teatro Metropolitan di Piombino. Sul palco, interpreti d’eccezione della scena nazionale: da Giuliana De Sio a Isa Danieli, da Sandro Lombardi ad Alessio Boni e Amanda Sandrelli. Un cartellone di alto profilo e grande spettacolarità che abbina la riflessione sui temi legati all’uomo e alla società con la leggerezza del sorriso e del divertimento.

La stagione, che nasce, come sempre, dalla collaborazione fra Amministrazione Comunale e Fondazione Toscana Spettacolo onlus (riconfermato primo circuito multidisciplinare in Italia), mantiene gli otto titoli in cartellone – sette di prosa e uno di danza – e la rassegna di concerti con l’Orchestra della Toscana.

Un progetto culturale che il pubblico di Piombino dimostra di apprezzare ogni anno sempre di più. Infatti, gli abbonamenti nelle ultime stagioni sono aumentati in maniera progressiva fino ad attestarsi su un numero importante: 664 sottoscrizioni, con una media di 807 spettatori. Un risultato importante che testimonia la crescente richiesta di teatro da parte del territorio, quale effetto positivo della pluralità dell’offerta e della solidità del sistema.

Soddisfazione viene espressa da parte del vicesindaco e assessore alla cultura Giuliano Parodi che commenta: “Una stagione teatrale importante fatta di nomi noti al grande pubblico, che fa parte di un’offerta culturale crescente in città, con eventi diversi che negli anni si sono consolidati e che come assessore alla cultura mi impegnerò a far crescere sempre di più, sia in qualità che in promozione. Perchè Piombino possa diventare città della cultura a 360 gradi ”.

Il sipario si alza quindi giovedì 14 novembre, ore 21 come per tutti gli spettacoli – con Isa Danieli e Giuliana De Sio, che portano in scena Le Signorine. Gianni Clementi firma un testo che combina comicità e malinconia. In un piccolo appartamento vivono due sorelle zitelle, Addolorata e Rosaria, offese da una natura ingenerosa, che trascorrono la propria esistenza in un continuo e scoppiettante scambio di accuse reciproche. È la fotografia di una società attuale sempre più portata a considerare “il mondo fuori” come il nemico.

A seguire – mercoledì 4 dicembre – Ale e Franz sono protagonisti di Romeo & Giulietta - Nati sotto contraria stella. Dalla storia di Romeo e Giulietta, Leo Muscato – tra i più attivi registi di opera e prosa – ha tratto uno spettacolo i cui sette vecchi comici girovaghi (tutti uomini) provano a interpretare la storia nel più autentico spirito elisabettiano. A volte, le loro intenzioni si confondono con quelle dei personaggi, provocando una serie di reazioni che finiscono per massacrare la storia.
Non manca la danza con Butterfly, colori proibiti, in scena lunedì 16 dicembre. Dall’opera di Puccini la coreografa Monica Casadei trae uno spettacolo incentrato sugli ultimi momenti della vicenda. Dopo una lunga attesa trascorsa nell’illusione dell’amore, la protagonista compie un gesto definitivo che, nella tradizione dell’harakiri, costituisce anche una affermazione del sé. Intorno a questo ruota l’intera drammaturgia dello spettacolo, nutrita di rimandi e suggestioni letterarie e cinematografiche.

Amanda Sandrelli riporta in scena, martedì 7 gennaio, La Locandiera, al fianco di Alex Cendron e degli attori della compagnia dell’Arca Azzurra. Il noto testo di Goldoni tratteggiava, a metà del Settecento, una donna forte, capace di tenere testa ai suoi quattro pretendenti mantenendo salda la sua coscienza sociale e il rispetto per le volontà del padre scomparso. Ora, il testo viene adattato per la compagnia da Francesco Niccolini, che firma anche la regia al fianco di Paolo Valerio.

Dal poema di Goethe è nato Scene da Faust – martedì 21 gennaio – lo spettacolo firmato dal regista Federico Tiezzi che vede protagonisti Sandro Lombardi e Marco Foschi. In scena, la prima parte dell’opera, quando un sapiente studioso, per ottenere conoscenze, potere e giovinezza, vende la propria anima a Mefistofele. Un percorso fatto anche di ricerca interiore, in cui non manca la scoperta dell’amore carnale.

Mercoledì 12 febbraio, Alessio Boni e Serra Yilmaz portano in scena Don Chisciotte. Dal romanzo di Cervantes, Francesco Niccolini trae uno spettacolo che ci racconta cavalieri erranti di oggi e di domani, savi e pazzi, sparpagliati per il mondo o chiusi dentro le mura. Con la sua straordinaria follia, il protagonista fa un inno alla follia nobile, e anche quando sprofonda nella malattia, non rinuncia ai suoi ideali.

Un’esilarante Angela Finocchiaro porta in scena - martedì 3 marzo - Ho perso il filo. Un’eroina pasticciona e anticonvenzionale parte per un viaggio, si perde, tentenna ma poi combatte fino all’ultimo il suo spaventoso Minotauro. Uno spettacolo che si avvale di più linguaggi espressivi grazie anche agli straordinari danzatori guidati dall’inventiva di Hervé Koubi, uno dei più talentuosi coreografi sulla scena internazionale.

Chiusura in grande, lunedì 23 marzo, con Geppy Gleijeses, Marisa Laurito e Benedetto Casillo che portano in scena Così parlò Bellavista. È l’adattamento teatrale del romanzo di Luciano De Crescenzo, che nel 1984 ne diresse anche la versione cinematografica. Al centro, un professore di filosofia di Napoli che si confronta con un suo vicino di casa appena arrivato da Milano, eccessivamente ligio al dovere. Ma una lunga serie di vicissitudini - la nascita di un nipote, lo scontro con la criminalità organizzata – sapranno far avvicinare i due uomini.

La campagna abbonamenti partirà dal 30 settembre con i rinnovi; il cambio posto il 14 ottobre e i nuovi abbonamenti dal 15 ottobre. Confermate le iniziative di promozione: Carta dello Spettatore FTS, che offre vantaggi come il biglietto ridotto in tutti i teatri del circuito, eccetto quello in cui viene sottoscritta; Biglietto futuro, riduzioni per under 30; Carta studente della Toscana, biglietto a 8 euri per gli studenti universitari in possesso della carta; Buon compleanno a teatro, che regala il biglietto nel giorno del compleanno; Biglietto sospeso, che consente di offrire uno spettacolo a chi vive un momento di difficoltà; Diventa storyteller, per pubblicare le proprie recensioni e commenti alla serata sul sito toscanaspettacolo.it.

Insieme al teatro confermati anche i 4 concerti con l’Orchestra della Toscana: lunedì 11 novembre (ore 21, come per tutti gli eventi) il direttore d’orchestra Evgeny Bushkov e il violinista Ilya Gringolts eseguono il concerto per violino e orchestra di Čajkovskij (op.35) e la Pastorale di Beethoven. Per il Concerto di Natale (giovedì 19 dicembre), il fisarmonicista italo-francese Richard Galliano eseguirà alcuni suoi brani, insieme a pezzi di Piazzolla e Bach. Si prosegue giovedì 19 marzo con Richard Galliano (fisarmonica, mellow tone e concertatore) che propone un concerto con musiche di Galliano, Piazzolla, Bach. La rassegna si conclude il 9 aprile col pianista Alexander Lonquich e una serata dedicata a Beethoven; si comincia col concerto n. 4 per pianoforte e orchestra op.58 per poi passare all’Eroica.

Ritorna inoltre anche il consueto appuntamento di incontri con alcuni protagonisti della stagione, Prima dello Spettacolo, a cura di Pablo Gorini, presso la Biblioteca Civica Falesiana (ore 17) a ingresso gratuito.

I prezzi dei biglietti e abbonamenti restano invariati rispetto alla passata stagione
vendita biglietti
in teatro, il giorno dello spettacolo a partire dalle ore 16
prevendita tramite TicketOne (la prevendita online termina 7 gg lavorativi prima dello spettacolo, nelle rivendite termina il giorno lavorativo prima dello spettacolo) acquisti online www.ticketone.it e in tutti i Punti Vendita Ticketone e BoxOfficeToscana
rivendite in zona: San Vincenzo Coop (0565/704317), Venturina Coop (0565-851177) e Picasso Viaggi (0565/850600), Follonica Pro Loco (0566-52012) e Coop (0566/264341), Cecina Coop (0586/686311) e Dischi Corsi (0586-680170), Rosignano Coop (0586/794310).

prenotazioni per gli abitanti di Riotorto presso la biblioteca Bidibibook prenotazione biglietti entro il giorno precedente lo spettacolo tel. 0565/63412 biblioriotorto@comune.piombino.li.it.

23-09-2019
- Inizio della pagina -

COMUNE DI PIOMBINO
Via Ferruccio, 4 - 57025 (Livorno) - Toscana - Tel. 0565/63111 - Fax 0565.63290 - P.IVA 00290280494
Il portale turistico del Comune di Piombino (LI) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione ePORTAL

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Piombino Turismo - Il portale turistico della città di Piombino è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it